Workout sul trampolino: ma è vero che si lavorano solo le gambe?

Questo è un altro luogo comune, sempre associato all’idea del rimbalzo.

Esercizio di rimbalzo = esercizio con le gambe

Naturalmente, se già pratichi la disciplina, avrai già capito che in una lezione di PowerBound non si lavora solo con le gambe , ma con tutta la muscolatura.

Prova a rimbalzare sull’attrezzo, mantenendo le braccia tese in fuori, e capirai cosa sto dicendo. Ci vorrà molta più forza per mantenere le braccia distese.

Questo perché, quando spingi sul rebounder, crei delle forze di accelerazione e decelerazione sul piano verticale, ed ogni movimento fatto con le braccia dovrà contrastare queste forze.

In una lezione di PowerBound non si lavora solo con le gambe, ma con tutta la muscolatura

Dovrai inoltre “stabilizzare” le braccia, intervenendo con tutta la muscolatura, perché il rimbalzo viene effettuato sulla superficie instabile del Rebounder.

Quindi, puoi lavorare efficacemente le braccia e le spalle semplicemente effettuando semplici esercizi mentre rimbalzi, e puoi farlo anche utilizzando pesetti.

Dimentica l’idea assurda che puoi lavorare efficacemente solo le gambe.

Ricordati anche che un’altra zona notevolmente interessata, oltre alle gambe, è la fascia centrale, il tuo addome, il core, costretto a lavorare incessantemente durante tutta la lezione.

Un fattore da considerare, però, è che, se vuoi effettuare un lavoro efficace con la parte superiore del corpo, dovrai PRIMA effettuare un lavoro serio e reale con le gambe.

Per capire quello che ti sto dicendo, va sul rebounder ed apri nuovamente le braccia.

Una volta aperte, effettua un rimbalzo leggero e smorzato verso il basso. Quanta forza ci vuole per mantenere le braccia sollevate? Poca dirai, così come ci vuole poca forza nello stabilizzarle.

Adesso prova a spingere realmente, come ti ho spiegato nella tecnica del basic bounce . La senti la differenza nel lavoro delle braccia e dell’addome?

La seconda considerazione da fare è che, se vuoi effettuare esercizi con le braccia di una certa intensità, allora, dovrai avere una solida base di appoggio offerta dai tuoi addominali, dal tuo “core” per la precisione.

Si , questo è logico, ed è il motivo per cui esistono molti programmi di fitness in circolazione incentrati sullo sviluppo del “Core”.

E questo è ancora più vero se stai lavorando sul rebounder, poiché l’appoggio è dinamico.

Ogni movimento fatto con le braccia andrà ad influire sul core, che, quindi, dovrà offrire una solida base di appoggio.

Maggiore forza del core = maggiore intensità e compostezza degli esercizi

E questo è il motivo per cui consigliamo di impostare bene la tecnica di spinta.

In ultima analisi No, non è vero che si lavorano solo le gambe con un workout effettuato sul trampolino: puoi lavorare efficacemente anche la parte superiore del corpo.

L’importante è creare una solida base di appoggio col tuo “core”, che puoi ottenere facilmente spingendo “realmente” sul tappetino con la giusta tecnica.

About The Author

Roberto Lazzaro

Nel settore del fitness da oltre 30 anni, ora mi dedico a tempo pieno alla diffusione ed allo sviluppo del PowerBound ed alla creazione di nuovi programmi di fitness.

0 Comments